Logo
  Notizie     
             
 
la nostra comunità
-Gruppo famiglie
-Grest
-Coro parrocchiale
-Feste parrocchiali
-Giornalino
-Orari SS Messe
-Corso per fidanzati
-Cammino Neocatecumenale
-Catechismo
-Gruppi giovanili
-Circolo parrocchiale
-Borgotrebbia BFC
-Oratorio Campo Santo Vecchio
-AGESCI-Scouts
----------------
-L'angolo delle riflessioni del DonPi
----------------
-Area privata
----------------

Dove si trova la nostra parrocchia

Map24
Google

Informazioni Meteo


Ricerca numero telefonico


Ascolta WEB RADIO Santi Angeli Custodi



Launch in external player

Web Radio

Santi Angeli Custodi

in assenza delle nostre

trasmmissioni

ci colleghiamo a

Radio in Blu

musica e cultura cattolica


I nostri preferiti
Codice avviamento postale (17592)
Il Nuovo Giornale (8890)
Famiglie numerose (1930)
La Parola del giorno (1803)
Parrocchia di Caorso (1435)
Domus galilaeae (1433)
Sito per la vita -Il dono- (1316)
Bioetica e Famiglia (1313)
Sito Storia libera (1297)
La Santa Sede (1293)
Sito di favole per bambini (1292)
Chiesa Cattolica Italiana-CEI (1292)
Sito Cattolico Totustuus (1292)
CulturaCattolica.it - Mille argomenti. Un solo giu (1292)
Cammino Neocatecumenale - Sito Ufficiale (1292)
Maranatha - Vieni, Signore Gesu'! (1291)
Congregazione per il Clero - Santa Sede - Vaticano (1291)
Spartiti per chitarra-italiani stranieri cartonii (1290)
Diocesi di PIACENZA - BOBBIO - Chiesa Cattolica It (1290)
Camina y ven - dal Cammino in Spagna (1289)
Quotidiano Avvenire (1288)
UCI Cinema Piacenza (1287)
Vatican (1286)
Informazione orari Treniitalia (1256)
Radio Santi Angeli Custodi Borgotrebbia (865)
 
Camposanto Vecchio
Inserito il 16 luglio 2005 alle 15:15:00 da angelipc. IT - www.santiangelicustodi.com

Sabato 30 Luglio 2005

E' STATO RIAPERTO L'ORATORIO DI CAMPOSANTO VECCHIO

rassegna stampa



Torniamo a pregare

L’unione tra i Cavalieri Templari Cattolici d’Italia del Supernus Ordo Equester Templi e la Comunità parrocchiale di Borgotrebbia a Piacenza riaprirà con la celebrazione dell’Eucarestia la tristemente famosa chiesa del Camposanto Vecchio intitolata alla Beata Vergine del Suffragio, ubicata sull’antica via Francigena, presso il guado del Fiume Trebbia.

La chiesa assurse alla ribalta delle cronache nazionali alcuni anni fa quando fu ripetutamente profanata da cruente sette sataniche, che l’avevano utilizzata per messe nere e riti blasfemi.

Sabato 30 luglio alle ore 19

si svolgerà la Santa Messa celebrata da don Pietro Cesena, parroco di Borgotrebbia, con la partecipazione dei Cavalieri e delle Dame Templari, del loro Priore Fra Mauro Giorgio Ferretti e del Minister Templi Padre Giorgio Finotti d. O.

PICCOLA RASSEGNA STAMPA

Su "La Cronaca" di sabato 16 luglio 2005

Borgotrebbia, il rilancio parte dalla chiesetta Si cercano finanziamenti per recuperare l’oratorio sull’argine del Po

DI ARIANNA GROPPI Pensa in grande don Pietro, che crede nella potenzialità di una piccola frazione come Borgotrebbia. «Piacenza è una città dormiente che ha solo bisogno di essere stimolata, e poi tira fuori delle potenzialità nascoste capaci di creare idee ambiziose come questa della chiesa di Camposanto Vecchio», ha spiegato il parroco. E a guardare il progetto, si ha proprio l’idea che qui si vogliano fare le cose in grande. Non si è pensato, infatti, solo al restauro della chiesa che di per sé rappresenta un importante esempio d’arte barocca, tanto che gli studiosi l’hanno attribuita a importanti artisti come i Bibbiena, ma il piano di recupero prevede la valorizzazione di tutta l’area. Da poco la parrocchia di Borgotrebbia ha acquistato i caseggiati e i terreni che circondano l’oratorio. Data la posizione, infatti, tutta l’area si presta ad essere inserita nel più ampio progetto del Parco Fluviale del Po, che il Comune di Piacenza da qualche anno ha attivato, all’interno della più ampia iniziativa “Po fiume d’Europa”. L’area di Camposanto Vecchio, propriamente risistemata, andrebbe fornire tutta una serie di servizi e spazi utili a questo scopo. Nel caseggiato che si trova sulla destra, un antico fienile in mattoni, è stato previsto uno spazio di accoglienza e formazione legato al parco fluviale, come ad esempio la sede delle guide turistiche e uno spazio dedicato alle esposizioni che potranno essere sia temporanne che stabili, come ad esempio un piccolo museo naturalistico con le speci animali e vegetali che si trovano lungo il Po. Al piano superiore poi è stata prevista una sala conferenze o auditorium. Nel piccolo ambiente che si trova in fondo al fienile, potrebbe trovare posto una sede Scout, che viste le finalità della associazione, bene si accorda con la dimensione del parco fluviale. Per quanto riguarda l’edificio addossato alla chiesa, il progetto prevede la realizzazione di bagni per gli utenti del parco. Uno spazio don Pietro ha poi pensato di riservarlo ai più bisognosi, con la costruzione di due case di accoglienza per situazioni di emergenza come famiglie sfrattate, persone in difficoltà, per il quale si prevede anche il coinvolgimento delle autorità comunali. Chiaramente tutto questo ha un costo, che nonostante la buona volonta, non può essere affrontato interamente dalla parrocchia. Ma vista la versatilità e utilità del progetto don Pietro si augura che la città non stia a guardare contribuendo alle spese.
Templari cattolici in aiuto di don Cesena
(a.g.) Aiutati che il ciel t’aiuta. Potrebbe essere questo il motto della bandiera che da un po’ di anni sventola sulla parrocchia di Borgotrebbia - da tre anni per la precisione - da quando don Pietro Cesena ha cominciato a guidare le anime della piccola frazione di Piacenza. E non solo di anime si è occupato in questi anni. Nel 2003 Cronaca scrisse dell'ambizioso progetto che il parroco aveva in mente: la riapertura della chiesa di Camposanto Vecchio, meglio conosciuta come chiesa degli appestati. Tristemente famosa per essere diventata un ritrovo di sette sataniste, la chiesetta gioiello d'architettura barocca era una vera e propria spina nel fianco per don Pietro, che all’epoca disse: «Il problema della chiesa degli appestati non sta solo nel desiderio di dare lustro a un opera d'arte, ma di fornire alla città una struttura che le sia utile». Sicuro della bontà e della validità del suo progetto, riuscì a convincere persino uno studio d'architetti a realizzare gratuitamente (parola tanto rara quanto preziosa) un progetto di restauro e di riutilizzo degli spazi. Questo due anni fa. Oggi, per portare avanti la sua impresa, don Pietro ha chiamato i rinforzi. Giovedì sera nella piccola saletta dell’oratorio ha presentato a tutti i cittadini di Borgotrebbia i cavalieri che gli sono venuti in soccorso. E non in senso metaforico, proprio i cavalieri dell’Ordine dei templare cattolici, come tiene a precisare Mauro Giorgio Ferretti, priore dell’ordine, presente alla serata. «Abbiamo deciso di rivolgerci a loro perché avevamo bisogno di qualcuno che ci aiutasse a mantenere viva l’attenzione su questo luogo, che al contrario di quello che pensano tutti non è dimenticato da Dio - ha spiegatto don Pietro - Anzi, al contrario di tante chiese chiuse, non è mai stata sconsacrata. E probabilmente è questo che attira tanto i satanisti, che possono compiere i loro riti in maniera ancora più derisoria». Da questa collaborazione ha portato subito i primi frutti, tanto che volontari di Borgotrebbia aiutati da questi templari, andranno di persona con tanto di scopa e pennello a ripulire e rendere presentabile la piccola chiesetta, cancellando le ignobili scritte che ne deturpano l'interno. I cavalieri si sono poi presi l’impegno di presidiare l’edificio con veglie di preghiera, perché si sa, gli avventori che sino ad ora ne avevano preso possesso non sono persone «propriamente gentili». (nella foto, da sinistra Mario Giorgio Ferretti e don Pietro Cesena)
«Veglieremo sulla chiesa» Il priore Ferretti promette l’impegno dei suoi cavalieri (http://www.templarioggi.it)
La serata ha offerto anche il pretesto per fare un po’ di chiarezza sul famoso ordine dei Cavalieri del Tempio, meglio conosciuti come cavalieri Termplari, tornato agli onori delle cronache grazie al bestseller Il codice da Vinci. «Noi non siamo una setta segreta che trama alle spalle del mondo. Abbiamo anche un sito internet su cui è possibile vedere chi siamo e di cosa ci occupiamo - ha spiegato Mauro Giorgio Ferretti priore di una delle associazioni che vogliono raccogliere l’eredità spirituale dei Templari - L’ordine, come è ben noto venne soppresso nel 1300. Nel 1700 si ricostituì in forma laica, e da allora si muove all’interno del mondo cattolico per salvaguardare e portare avanti i valori cristiani. Noi, da un po’ di anni, ci siamo presi come missione quella di combattere le sette sataniche, che da un’inchiesta del Cei risultano essere 300mila. Uno dei sistemi è proprio quello di privarli dei loro luoghi di adunanza, che nella maggior parte dei casi sono chiese. Non a caso abbiamo scelto come casa madre una chiesa nel reggiano che siamo riusciti a strappare ai miscredenti. Cosa che faremo anche qui. Dopo averla ripulita ci impegneremo a vigilare con veglie di preghiera e controlli assidui».

Su "La Cronaca" di  giovedì 21 luglio 2005

«Il 30 luglio celebreremo la prima messa» Via alla pulizia della chiesa di Borgotrebbia. Don Pietro: è una sfida

DI ARIANNA GROPPI Ha mobilitato tutti ma proprio tutti, “donpi”, come lo chiamano in parrocchia. Ragazzi che, invece di andare in piscina, si sono immersi nella giungla di erbacce e rifiuti che contaminava il piccolo oratorio di Borgotrebbia, alla chiesa del Camposanto vecchio, conosciuta come la chiesa degli appestati. Donne che per una mattina invece di riassettare casa hanno spazzato l’interno della chiesa. «Abbiamo portato fuori otto carriole di sporcizia, di tutti i tipi. Ma almeno adesso si può entrare ha commentato Egle. Perché don Pietro Cesena non molla, e vuole a tutti costi ridare alla città questo luogo pieno di storia e tradizioni. E ora che l’interno ha ripreso un aspetto decoroso, la chiesetta appare in tutto il suo splendore. Il piccolo edifico, coperto da una cupola, è illuminato da un sistema di finestre dal curioso e insolito profilo. Praticamante intatto il pavimento in cotto, che, come dice don Cesena, “con una levigata” può tornare come nuovo. Ma il vero gioello è l’altare che anche dopo le martellate dei vandali, continua a mostrare la sua pregevole fattura. Durante la pulitura sono stati, poi, ritrovati anche alcuni frammenti degli stucchi, che con un sapiente lavoro di restauro potrebbero ritornare al loro posto. «E’ quasi una sfida, quella che i miei parrocchiani ed io vogliamo portare avanti. Una sfida contro le superstizioni e i cattivi pregiudizi. Certo una nomea come quella dell’Oratorio di Camposantovecchio è difficile da cancellare. Ma oggi, vederla attorniata da bambini fa subito un altro effetto, meno macabro e sicuramente più solare. Il segreto per cambiare le cose è la conoscenza. Per questo intendiamo mantenere l’attenzione sempre viva. E la nostra tecnica ha già dato i primi frutti. Alcuni imprenditori della zona si sono fatti sentire per sposorizzare il progetto, ed eventualmente collaborare alla lotteria che abbiamo pensato di fare per raccogliere un po’ di fondi. Questo primo lavoro di pulitura dovrebbe finire per il 30 di luglio, quando si terrà la processione e la messa nella chiesetta». Un vero vulcano di idee, don Pietro, che telefonino alla mano, è riuscito a coinvolgere anche Tesa, che per l’occasione ha messo a disposizione un container per i rifiuti. «Abbiamo intenzione di scomodare anche le autorità, Comune e Provincia in primo luogo, perché tutta quest’area merita di essere valorizzata. Laggiù, per esempio, si trova un antico e dimenticato convento Olivetano, e poco distante un casino di caccia dei Farnese. Per non parlare del valore naturalistico rappresentato dal Po. Ho in mente un’area a dimensione delle famiglie, dove possano venire a passare dei momenti all’aria aperta».
La Madonna senza dita e l’angelo decapitato «Li hanno presi a sassate»
Impressiona vedere la navata centrale della chiesa piena di calcinacci ed escrementi. La polvere, tanta, non riesce a coprire le scritte ingiuriose, le svastiche e altri simboli disegnati con lo spray sui muri. Ai piedi del bell’altare di marmo ci sono i resti del prezioso bassorilievo in gesso della seconda metà del ‘600. Le teste di alcuni angeli sono per terra, le hanno recuperate i ragazzi dell’oratorio (Andrea, Giovani, Pablo, Andrea, Giuliano, Luca, Andrea), alla Vergine del suffragio mancano alcune dita, così come altri personaggi sono sfregiati: «Li prendevano a sassate» spiega don Pietro Cesena. La devastazione è dappertutto: i vetri colorati, le colonne, gli inginocchiatoi, il pavimento. «Abbiamo, però, salvato un importante crocifisso» dice don Pietro. All’esterno c’era anche un’acquasantiera, che è stata rubata. nell’edificio a fianco della chiesa, invece, nelle stanze ci sono materassi abbandonati, taniche di oli usati, una cucina, tante batterie usate e altra sporcizia. Ci vivevano alcuni immigrati, poi sgomberati. ma colpire è anche la cripta sotterranea, coni loculi per le ossa. E’ difficile entrare: lo si fa solo da una piccola finestra con le sbarre divelte. La bellezza della cripta, piena di ossa, è offuscata da scritte e da resti di fuochi accesi sul pavimento. Ma il sole di ieri le ha restituito parte della bellezza. Gianfranco Salvatori


Letto : 5356 | Torna indietro
 
Top - Siti web
jHaIFCXweELLmby (IT)
SVVqKQfAQEfIH (IT)
FAxoaDzMqroQMeY (IT)
wzmQQmlgASdND (IT)
cxZBVvCHjMkHvujtLLT (IT)
bXDJotrHjs (IT)
KjZpzPFVzROZNaqHN (IT)
PjWZbgBUHvkxubqk (IT)
DlIeRAXrenrqehrdz (IT)
EVDExgiJWuHgMvAPap (IT)
anssFFwzmJhBT (IT)
FSZejxqEmAxyyGyhgqM (IT)
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Agosto
>
L M M G V S D
-- -- -- 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 --

Iscritti
 Utenti: 919
Ultimo iscritto : Xenzex
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 43
 
 Commenti: 8
 
 Immagini: 1
 Immagini viste: 5254
 
 Materiale: 36
 Totale scarichi: 20251
 
 Articoli: 8
 Pagine: 9
 Pagine lette: 44489
 
 Siti web: 186
 
 Notizie: 14
 
 Sondaggi: 3
 
 Preferiti: 265903
 Siti visitati: 533917
 
 Eventi: 144
Visitatori
Visitatori Correnti : 9
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
 
 Parrocchia dei Santi Angeli Custodi Borgotrebbia-Piacenza 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0 derivato da ASP-Nuke v1.2
Questa pagina è stata eseguita in 0,296875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile